La contraffazione nel settore farmaceutico è un fenomeno in forte crescita a livello internazionale: le vendite di farmaci contraffatti hanno trovato terreno fertile sul web, dove è possibile raggiungere un pubblico molto vasto alla breve distanza di un clic. A metà settembre l’operazione Pangea X dell’Interpol ha portato al sequestro record di 25 milioni di prodotti medicali e farmaci contraffatti in ben 123 Paesi diversi distribuiti su internet, per un valore di oltre 43 milioni di euro; Pangea X ha portato all’arresto di ben 400 persone e alla chiusura di ben 3.584 siti web e più di 3.000 annunci pubblicitari relativi alla vendita di prodotti farmaceutici contraffatti. Bene, ma non benissimo: l’operazione è comunque una goccia nel mare. I recenti dati diffusi dall’ultimo rapporto dell’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale elaborata dall’Euipo, l’Unione europea per la proprietà intellettuale, e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l’Ocse, parlano di un’economia del sommerso da capogiro: la contraffazione muove un mercato di oltre 85 miliardi di dollari l’anno in tutti i settori, dall’elettronica all’abbigliamento; il settore farmaceutico è al quarto posto di questa classifica, con un giro d’affari di 5 miliardi. Fra i prodotti più ricercati nei siti “fake” troviamo rimedi per perdere peso, per gonfiare i muscoli e le cosiddette “pillole dell’amore”. Un modo per evitare l’imbarazzo al bancone della farmacia? Anche, ma non solo: nell’elenco dei farmaci contraffatti più richiesti ci sono anche analgesici e rimedi antinfluenzali. Non c’è da stupirsi: l’e-commerce è ormai una nuova abitudine d’acquisto e i fake sono diventati via via più abili nel farsi passare per farmaci autentici.

Contrastare la contraffazione di farmaci: una responsabilità di tutti gli attori coinvolti

Oltre a costituire un serio rischio per la salute dei consumatori, ignari delle conseguenze a cui possono andare incontro, la contraffazione di farmaci e prodotti medicali danneggia seriamente le case farmaceutiche, perché le mancate vendite di farmaci originali causano perdite economiche e di posti di lavoro. Nell’Unione Europea ha causato un calo delle vendite pari a circa 17 miliardi di euro, che si è tradotta nella perdita di circa 91 mila posti di lavoro e in 1,7 miliardi di euro di entrate pubbliche in meno.

Le istituzioni stanno affrontando il problema a livello internazionale: il prossimo marzo a Londra si terrà la  conferenza “Pharma Security World 2018” incentrata sull’anticontraffazione in ambito farmaceutico.

Sulla stessa linea si muove il progetto europeo Fakeshare (già avviato alla seconda fase con Fakeshare II) promosso qualche anno fa per coordinare e ottimizzare iniziative di contrasto alla diffusione di farmaci illegali all’interno dell’Unione Europea, garantendo una condivisione delle attività di monitoraggio sulle e-pharmacies. Sul sito del progetto è stato implementato un portale pubblico: http://www.fakeshare.eu/ dove gli utenti possono trovare e scaricare materiale informativo e approfondimenti per sensibilizzare sui pericoli nell’acquisto di farmaci on line da siti non autorizzati.

Packaging design nella lotta anticontraffazione: ToBEUnique

Nella lotta contro la contraffazione, il packaging design può rivelarsi una risorsa preziosa. Per questo abbiamo messo a punto ToBEUnique, un metodo di stampa digitale innovativa unico al mondo che unisce in un unico processo la stampa sul corpo in alluminio del tubetto e sul tappo in plastica, per risultati grafici sorprendenti.

La stampa ToBEUnique è un’esclusiva del Tubettificio Favia; la sua unicità permette quindi di utilizzarla efficacemente ai fini dell’anticontraffazione. Al momento infatti non esiste altra tecnologia al mondo in grado di riprodurre lo stesso effetto di continuità tra la capsula e il tubetto, anche se si lavorano separatamente (senza considerare i costi elevati e la complessa gestione che comporta un simile processo, che contribuiscono a scoraggiare i tentativi di falsificazione)

Con ToBEUnique il packaging design diventa un prezioso alleato nella lotta anticontraffazione!

Volete saperne di più? Visitate la nuova landing page dedicata a ToBEUnique a questo link; troverete anche i video di presentazione. Oppure, contattateci direttamente a info@favia.it.

Share This